Milano, 14 ottobre 2013

Ritirato premio SuperEnalotto SuperVincitore da 500.000,00 euro realizzato a Cesano Boscone (MI)

Vincere 500.000,00 euro grazie a un'estrazione del SuperEnalotto Supervincitore non solo è possibile ma è un segnale di speranza per chi vive una vita di ordinaria quotidianità.

Ecco la storia raccontata dal vincitore: preferisce tenere riservato il suo nome e il suo volto ma, in fondo, quello che interessa sono le sue emozioni e a cosa serviranno i soldi che la dea bendata ha scelto di assegnare proprio a Pasquale.

 

Si è presentato oggi per l'incasso negli uffici Sisal di Milano il vincitore del premio SuperVincitore da 500.000,00 euro di giovedì 26 settembre a CESANO BOSCONE presso il BAR TABACCHI CATALANO situato in Via Milano, 2

 

Quella di Pasquale (nome di fantasia), operaio di quarant'anni, è una storia comune ma al contempo singolare.

 

Come ogni settimana, finita la giornata lavorativa, Pasquale, passa in ricevitoria e gioca una schedina da 5 euro con il SuperStar, sempre gli stessi numeri da molto tempo.

 

La sera stessa, una volta rientrato a casa, accende il computer e scopre che la sua schedina è quella vincente. Ricontrolla più volte i numeri estratti e si accorge che il destino gli è venuto inaspettatamente incontro: inaspettatamente, perché Pasquale dice di non essere mai stato molto fortunato nella sua vita e, anzi, ammette di aver vissuto periodi bui, che ora spera di potersi lasciare alle spalle. Vuole fare quello che gli sta più a cuore: aiutare la sua famiglia e assicurare un futuro a sé e alla sua fidanzata, alla quale non ha ancora comunicato la gioia della vincita.

 

Passano le ore ma il sonno non arriva, e Pasquale trascorre tutta la notte a contemplare la schedina vincente, tanto grandi sono l'emozione e l'incredulità.

 

Bellissima e unica la sensazione di veder confermata - una volta arrivato all'Ufficio Premi di Sisal Milano - la vincita di 500.000,00 euro, una somma che gli permetterà certamente, come dichiara lui stesso, di saldare quei debiti contratti in un periodo economicamente difficile e di pensare finalmente al matrimonio.

 

Sembra essere l'incredulità il tratto caratteristico della storia di Pasquale, quasi un non voler credere che i sogni, ogni tanto, possano diventare realtà.

< Torna agli articoli