Curiosità

Milano, 6 marzo 2017

Essere colpiti da un meteorite e vincere il Jackpot di SuperEnalotto

Ecco la storia di Bagnone, un paese che ce l'ha messa tutta per farsi notare!

Nel 1904 Bagnone fu teatro del meteorite di ferro più grosso mai caduto in Italia.  

Nel 2009 la terza vincita più alta della storia del SuperEnalotto baciò Bagnone con un Jackpot da ben 147.807.299,08€.

Ci sono tanti luoghi suggestivi e un po' magici persi nello scrigno d'Italia.

Uno di questi è Bagnone, che si staglia su uno sperone roccioso.

Questa è una zona d'Italia molto particolare, non è Toscana, né Liguria, né Emila. È lunigiana!

Bagnone è "solo" un comune italiano di 1.862 abitanti della provincia di Massa-Carrara facente parte del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano.

Un comune, però, che ce l'ha messa davvero tutta per farsi notare.

Era il 1904 quando...

... un meteorite cadde su Bagnone!

Gli astronomi ci dicono che ogni anno fra meteoriti, piccoli asteroidi e soprattutto polvere interstellare (si, proprio polvere di stelle!), sulla Terra cadono molte migliaia di tonnellate di materiale.

Ma quello caduto su Bagnone è un caso record: il meteorite di ferro più grosso mai caduto in Italia: ben 48 chilogrammi! Il meteorite ora è stato suddiviso in due pezzi, uno esposto nel Museo Civico di Storia Naturale di Milano e l'altro nel Museo di Mineralogia dell'Università di Pisa.

Era il 22 agosto 2009 quando...

... a Bagnone fu vinto, con una giocata di soli 2 euro, il Jackpot di SuperEnalotto di oltre 147 milioni di euro.

Quella di allora è stata la terza vincita più alta mai conseguita nella storia del gioco. La seconda vincita assegnata ad un unico vincitore, preceduta solo dalla più recente di Vibo Valentia di 163,5 milioni di euro del 27 ottobre 2016.

A memoria di quella vincita oggi resta persino una via, Via della Fortuna, appunto.

Vale la pena fare un salto a Bagnone anche per questo, oltre che per i numerosi luoghi di interesse artistico come il suo Castello, la Chiesa di San Rocco e la Chiesa di Santa Maria, Piazza Roma, nel centro del borgo di Bagnone, e i mulini che si affacciano sull'impetuoso torrente.

E c'è ancora la solita "La locanda La Lina" dove mangiare ottimi testaroli e le lasagne bastarde (quelle impastate con farina bianca e castagne), da condire coi funghi, mentre, all'ombra del campanile di Treschietto, frazione di Bagnone, risuona sempre la stessa campana, quella donata dalla famiglia di Gigi Buffon, originaria della zona.

E poi chissà... la storia deve ancora essere scritta, magari per siglare la vincita del Jackpot del concorso di martedì 7 marzo 2017 dove in palio ci saranno 14,8 milioni di euro.

Perché, con questi precedenti, si può dire che per Bagnone vincere al SuperEnalotto o essere colpiti da un meteorite non è così improbabile!

In entrambi i casi lo deciderà la sorte ma è certo che Bagnone non può essere dimenticato.



< Torna agli articoli
 
curiosità